CORONAVIRUS: LA SOLIDARIETA' DEL DISTRETTO ROTARY 2080 NON SI FERMA
Leggi come il Distretto 2080 sta rispondendo all'impatto della crisi globale dell’epidemia COVID-19.

Il programma sull'Aggiornamento globale online per World Polio Day del 24 ottobre elogia il successo storico di quest'anno nell'eradicazione della polio: la regione africana dichiarata libera dal poliovirus selvaggio.

Ade Adepitan, vincitore della medaglia paralimpica e presentatore televisivo, che ha co-presentato il programma di quest'anno, ha dichiarato che l'eradicazione della polio nella regione africana è stata per lui una questione personale. "Da quando sono nato in Nigeria, questo risultato mi sta molto a cuore", ha detto Adepitan, un sopravvissuto alla polio che ha contratto la malattia da bambino. "Aspettavo questo giorno da quando ero un ragazzo".

Ha fatto notare che, appena una decina di anni fa, tre quarti di tutti i casi di polio del mondo causati dal poliovirus selvaggio erano stati contratti in Africa. Ora, più di un miliardo di africani sono al sicuro dalla malattia. "Ma non abbiamo finito", ha avvertito Adepitan. "Siamo alla ricerca di un trionfo ancora più grande: un mondo senza polio". E non vedo l'ora".

L'Amministratore della Fondazione Rotary Geeta Manek, che co-presentato il programma con Adepitan, ha dichiarato che la Giornata Mondiale della Polio è un'opportunità per i soci del Rotary di essere motivati a "continuare questa lotta".

E ha aggiunto: "I Rotariani di tutto il mondo sono impegnati instancabilmente a sostenere l'iniziativa globale per l'eradicazione della polio".

 

L'eradicazione della polio è davvero uno sforzo collettivo...Questo risultato appartiene a tutti noi

 

Uno sforzo collettivo

Il Dr. Tunji Funsho, Presidente della Commissione PolioPlus del Rotary per la Nigeria e socio del Rotary Club di Lekki Phase 1, Lagos State, Nigeria, ha raccontato ai partecipanti online che la pietra miliare non avrebbe potuto essere raggiunta senza gli sforzi dei soci e dei leader del Rotary in Africa e in tutto il mondo.

Funsho, recentemente nominato come una delle 100 persone più influenti del 2020 dalla rivista TIME, ha dichiarato che innumerevoli Rotariani hanno contribuito organizzando eventi per sensibilizzare l'opinione pubblica e per raccogliere fondi o collaborando con i governi per garantire i finanziamenti e altri tipi di sostegno per l'eradicazione della polio.

"L'eradicazione della polio è davvero uno sforzo collettivo ... Questo risultato appartiene a tutti noi", ha dichiarato Funsho.

Il Rotary e i suoi soci hanno contribuito con quasi 890 milioni di dollari agli sforzi per l'eradicazione della polio nella regione africana. I fondi hanno permesso al Rotary di assegnare le sovvenzioni PolioPlus per finanziare la sorveglianza della polio, i trasporti, le campagne di sensibilizzazione e le Giornate d'Immunizzazione Nazionale.

L'Aggiornamento globale online per World Polio Day di quest'anno viene trasmesso in streaming su Facebook in diverse lingue e in diversi fusi orari in tutto il mondo. Il programma, sponsorizzato dalla Bill & Melinda Gates Foundation, vede la partecipazione di Jeffrey Kluger, redattore della rivista TIME, Mark Wright, presentatore televisivo e socio del Rotary Club di Seattle, Washington, USA, e Angélique Kidjo, nota cantante vincitrice di un Premio Grammy che canta la sua canzone “M’Baamba.”

 

Le sfide del 2020

È impossibile parlare del 2020 senza menzionare la pandemia del coronavirus, che ha ucciso più di un milione di persone e devastato le economie di tutto il mondo.

Nel programma, un gruppo di esperti di salute globale tra i partner del Rotary nella Global Polio Eradication Initiative (GPEI) ha discusso come le infrastrutture che il Rotary e la GPEI hanno costruito per eradicare la polio hanno aiutato le comunità ad affrontare i bisogni causati dalla pandemia COVID-19.

"L'infrastruttura che abbiamo costruito attraverso la polio in termini di come coinvolgere e lavorare con le comunità, come insegnare rapidamente alle popolazioni come realizzare efficacemente gli interventi sanitari, fare la sorveglianza della malattia, ecc., è stata una parte estremamente importante dello sforzo per affrontare così tante altre malattie", ha dichiarato il Dr. Bruce Aylward, consulente senior del direttore generale dell'OMS.

Tra i relatori erano presenti anche il dottor Christopher Elias, presidente della Divisione Sviluppo globale della Bill & Melinda Gates Foundation; Henrietta H. Fore, direttore esecutivo dell'UNICEF; e Rebecca Martin, direttore del Center for Global Health presso i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Elias ha dichiarato che quando ci sono emergenze sanitarie globali, come ad esempio l'insorgenza di altre malattie contagiose, i Rotariani aiutano sempre. "I Rotariani hanno usato tutto ciò che hanno appreso durante campagne antipolio di successo che hanno raggiunto tutti i bambini del villaggio, e hanno raggiunto i pazienti con la febbre gialla, o hanno distribuito il vaccino contro il morbillo".

Nel programma si è discusso sulle diverse tattiche di risposta alla pandemia che si basano sulle infrastrutture per l'eradicazione della polio: le squadre di sorveglianza della polio in Etiopia stanno segnalando casi di COVID-19, e i centri operativi d'emergenza in Afghanistan, Nigeria e Pakistan, che di solito vengono utilizzati per combattere la polio, sono ora utilizzati anche come centri di coordinamento per la risposta COVID-19.

Il programma online ha incluso anche un video sui coraggiosi operatori sanitari volontari che immunizzano i bambini nello Stato del Borno, Nigeria, e ha tracciato il profilo di un attivista della comunità in Afghanistan che lavora instancabilmente per assicurare che i bambini siano protetti dalla polio.

Kluger ha parlato con alcuni ospiti, tra cui tre soci del Rotary, sulle loro esperienze infantili come "Pionieri della polio" - essi facevano parte di un gruppo di oltre un milione di bambini che hanno partecipato ad un test su larga scala del vaccino antipolio di Jonas Salk negli anni '50.

 

 

Il futuro della lotta contro la polio

La sfida del Rotary è ora quella di eradicare il poliovirus selvaggio nei due Paesi in cui la malattia non è mai stata arrestata: Afghanistan e Pakistan. Le vaccinazioni di routine devono essere rafforzate anche in Africa per evitare che il virus vi ritorni.

Per eradicare la polio, ogni anno devono essere effettuate diverse campagne di immunizzazione di alta qualità nei Paesi colpiti dalla polio e ad alto rischio. Durante la pandemia COVID-19, è necessario mantenere l'immunità delle popolazioni contro la polio, proteggendo al contempo gli operatori sanitari dal coronavirus e facendo in modo che non lo trasmettano.

Il Rotary ha contribuito più di 2,1 miliardi di dollari all'eradicazione della polio da quando ha lanciato il programma PolioPlus nel 1985, ed è impegnato a raccogliere 50 milioni di dollari ogni anno per le attività inerenti alla polio. Grazie all'accordo di equiparazione 2 a 1 con la Bill & Melinda Gates Foundation, ogni anno 150 milioni di dollari sono destinati a mantenere la promessa del Rotary ai bambini del mondo: nessun bambino sarà mai più soggetto agli effetti devastanti della polio.


“Il Rotary è uno stile di vita. Uno stile di vita buono, naturale, completo e pieno di amicizia. Il mondo è pieno di potenziali rotariani, ce ne sono molti che mi stanno ascoltando. Amico mio, se tu hai nel cuore amore per il prossimo, tu sei un potenziale rotariano”

Paul Harris — Convention di Boston 1933