CORONAVIRUS: LA SOLIDARIETA' DEL DISTRETTO ROTARY 2080 NON SI FERMA
Leggi come il Distretto 2080 sta rispondendo all'impatto della crisi globale dell’epidemia COVID-19.

Il progetto PR.I.MA, del Rotary Club Roma Cassia, ideato da Lucia Viscio e Ilenia Guerrieri, lavora per PREVENIRE OGNI FORMA DI VIOLENZA, con particolare attenzione a quella in ambito familiare.

Il progetto è stato ritenuto meritevole di Sovvenzione Globale da parte della Rotary Foundation, nell’ambito della via d’azione Prevenzione e Risoluzione dei Conflitti, e numerosi Rotary Club hanno già aderito. Con il progetto PR.I.MA si vuole avviare un cambiamento culturale che coinvolga tutta la società, dalle singole figure professionali sino alle istituzioni - con un ruolo fondamentale per la cittadinanza attiva – promuovendo ed organizzando azioni sinergiche per combattere la violenza di genere.

Sintesi del progetto:

La violenza contro le donne è un fallimento della Nostra Società nel suo insieme” ed ancora “È la più tragica mattanza del mondo contemporaneo” queste le parole usate dal Nostro Presidente della Repubblica e dalla Presidente del Senato.

La Convenzione di Istanbul, sottoscritta dall’Italia il 27.09.2011, all’art. 3 sancisce che: “la violenza contro le donne è una violazione dei diritti umani ed è una forma di discriminazione”.

La violenza in ambito familiare e di genere, è non solo violenza fisica e morale ma anche economica e purtroppo ancora è coperta da tabù e da un altissimo numero di casi non denunciati.

 In Italia, i dati Istat mostrano che il 31,5% delle donne ha subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale. Le forme più gravi di violenza sono esercitate da partner o ex partner, parenti o amici. Gli stupri sono stati commessi nel 62,7% dei casi da partner. Nel 2020 le donne uccise sono state 116, mentre nei primi 11 mesi del 2021 se ne contano 65, di cui 46 da partener o ex. Nel Nostro Paese, innumerevoli organizzazioni governative sono impegnate per contrastare la violenza contro le donne e la discriminazione. Si combattono i sintomi, si mettono in sicurezza le donne, ma non si investe in prevenzione e nella educazione alla non violenza.

La violenza in ambito familiare, è radicata nella Nostra cultura ed è ancora giustificata ed accettata. Non si può e non si deve continuare così. Vogliamo provare ad arginare questa “mattanza” con un cambiamento di atteggiamento nella società, che ostacoli la spirale di violenza che investe anche le nuove generazioni.

 In questo tragico contesto, Il ROTARY con il PROGETTO PR.I.MA, VUOLE investire nella prevenzione e COSTRUIRE NELLA SOCIETÀ, UNA NUOVA CONSAPEVOLEZZA DEL PROBLEMA, ma non può farlo da solo, ma avvalendosi di PARTNER ALTAMENTE SPECIALIZZATI già operanti nella lotta al contrasto della violenza di genere e del servizio attivo di tutti i Rotariani.

Articolazione del progetto in Assi Strategici:

 

PREVENZIONE NELLE SCUOLE - incontri di sensibilizzazione e sviluppo delle competenze affettive nelle scuole secondarie superiori e nello specifico:

  • Selezione delle scuole;
  • Selezione degli educatori tra psicologi-psichiatri-avvocati;                 
  • Progettazione dell’intervento in classe (creazione video e slides come materiale a supporto);                                                                                   
  • Formazione degli educatori all’intervento nelle classi;
  • Intervento in classe;
  • Supervisione agli educatori;
  • Report degli educatori sugli incontri svolti nelle scuole e relazione   conclusiva dell’esperienza con il gruppo di lavoro e condivisione con tutti i Club che aderiscono al progetto.

 

CITTADINANZA ATTIVA - Formazione rivolta a figure professionali che nei territori possono sviluppare reti di cittadini attivi nella prevenzione della violenza di genere e nello specifico:  

  • Definizione dei territori su cui intervenire (comuni, municipi);
  • Invito a partecipare alle diverse categorie professionali del territorio (medici, farmacisti, titolari di centri diagnostici, estetici e benessere, avvocati, psicologi, assistenti sociali, forze dell’ordine) e selezione dei partecipanti;
  • Formazione della rete di cittadinanza attiva del territorio;
  • Incontri di monitoraggio e supervisione con la rete di cittadinanza attiva;
  • Report trimestrale dell’attività e delle segnalazioni da parte della rete di cittadinanza attiva e condivisione dei risultati con i Club che aderiscono al progetto.

 

CREAZIONE DI NUOVI SPORTELLI DI CENTRI DI ASCOLTO MASCHILE - formazione di figure professionali e Apertura di nuovi sportelli di ascolto e nello specifico:

  • Selezione e formazione degli operatori dello sportello;
  • Individuazione ed allestimento di spazi ove svolgere le attività di sportello;
  • Creazione dell’infrastruttura per l’accesso (linea telefonica, mail, ecc.);    
  • Supervisione continua.

 

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE E PROMOZIONE - strategie di comunicazione attraverso i social media per favorire l’accesso degli uomini ai percorsi trattamentali e promuovere una nuova modalità di prevenzione e nello specifico:

  • Individuazione di una azienda per la realizzazione della campagna di comunicazione per la promozione del progetto PR.I.MA (focus sulla violenza di genere ed una nuova modalità di prevenzione della stessa); 
  • Report finale dei risultati della campagna da condividere con i Clubs che hanno aderito al progetto.
Stato Progetto: In Corso
Inizio Progetto: 01-07-2022 Fine Progetto: 30-06-2023
Numero volontari stimati: N.D. Numero volontari conseguiti: N.D.
Numero ore volontarie stimate: N.D. Numero ore volontarie conseguite: N.D.
Contributi in contanti stimati: N.D. Contributi in contanti conseguiti: N.D.
Sovvenzioni Distrettuali: N.D. Sovvenzioni Globali: N.D.
Area di Intervento: Proteggere madri e bambini
Azione del Progetto: Azione di Pubblico interesse

“Il Rotary è uno stile di vita. Uno stile di vita buono, naturale, completo e pieno di amicizia. Il mondo è pieno di potenziali rotariani, ce ne sono molti che mi stanno ascoltando. Amico mio, se tu hai nel cuore amore per il prossimo, tu sei un potenziale rotariano”

Paul Harris — Convention di Boston 1933