CORONAVIRUS: LA SOLIDARIETA' DEL DISTRETTO ROTARY 2080 NON SI FERMA
Leggi come il Distretto 2080 sta rispondendo all'impatto della crisi globale dell’epidemia COVID-19.

 

Regolamento del

Premio “Rotary Club Roma Giulio Cesare”

 

“Fuit in illo ingenium, ratio, memoria, litterae, cura, cogitatio, diligentia;…”

("Egli ebbe ingegno, equilibrio, memoria, cultura, sollecitudine, giudizio, determinazione", M.T. Cicerone, Philippica II, 116)

 

Con queste parole Marco Tullio Cicerone descrive Gaio Giulio Cesare, personaggio controverso ma che ha saputo fare eccelso uso delle doti che Cicerone così abilmente evidenzia. Ingegno, equilibrio, memoria, cultura, sollecitudine, giudizio e determinazione sono doti che nella loro accezione più positiva rispecchiano appieno lo spirito della nostra Associazione, il Rotary International. Sono dunque queste le doti a cui il Rotary Club Roma Giulio Cesare intende rendere omaggio con il “Premio Rotary Club Roma Giulio Cesare”.

 

Art. 1

Il Rotary Club Roma Giulio Cesare istituisce a Roma il premio “Rotary Club Roma Giulio Cesare” (di seguito nel prosieguo del presente regolamento anche solo “Premio”).

 

Art. 2

L’organizzazione del Premio è presieduta da una Commissione, denominata “Commissione Premio Rotary Club Roma Giulio Cesare” (nel prosieguo del presente regolamento anche solo “Commissione”), composta dal Presidente di Club dell’anno rotariano di riferimento (ovverosia quello nel quale viene conferito il Premio), il Presidente della Commissione Progetti per l’anno rotariano di riferimento, il Past President per l’anno rotariano di riferimento (corrispondente a quello in carica ossia il Presidente dell'anno rotariano precedente), due soci estratti a sorte ed a rotazione, con esclusione dal sorteggio dei soci che vi hanno già partecipato nei 5 (cinque) anni rotariani precedenti.

È fatto divieto ai membri della Commissione di proporre candidature per il Premio.

 

Art. 3

Il Premio viene assegnato annualmente.

Il vincitore del Premio verrà insignito in occasione del compleanno del Club che si celebra nel mese di febbraio di ciascun anno sociale e riceverà il “Premio simbolico” (la cui ideazione e creazione è rimessa alla Commissione dell’anno sociale di nascita del Premio) ed il privilegio di poter usufruire di una somma di Euro 500,00 (cinquecento/00), ovvero quella diversa maggiore somma che il Consiglio Direttivo dell’anno sociale in corso (da intendersi quale anno sociale di riferimento per la candidatura e la premiazione) avrà preventivamente deliberato, che sarà messa a disposizione dal Rotary Club Roma Giulio Cesare e che sarà destinata ad essere devoluta in beneficenza al soggetto che il vincitore indicherà quale beneficiario. Il soggetto indicato quale beneficiario dovrà necessariamente operare a livello nazionale e svolgere un’attività che rientri in almeno una delle sei aree di intervento del Rotary, e precisamente: Pace e prevenzione/risoluzione dei conflitti, Prevenzione e cura delle malattie, Acqua e strutture igienico-sanitarie, Salute materna e infantile, Alfabetizzazione e educazione di base, Sviluppo economico e comunitario.

Sarà onere della Commissione verificare che il beneficiario indicato dal vincitore possegga i requisiti di cui sopra ed in caso di carenza dei presupposti per il versamento, la Commissione, nella persona del membro nonché Presidente di Club per l’anno sociale di riferimento, dovrà chiedere al vincitore di indicare un altro soggetto entro il termine di giorni trenta dalla comunicazione che all’uopo verrà inviata al vincitore.

Il versamento della somma predetta sarà effettuato direttamente dal Rotary Club Roma Giulio Cesare sulle coordinate bancarie del soggetto che il vincitore avrà indicato quale beneficiario e che dovrà rispettare i requisiti di cui al periodo che precede.

Nel caso in cui il vincitore non dovesse indicare alcun beneficiario che rispetti i requisiti suddetti, il Rotary Club Roma Giulio Cesare non sarà tenuto ad effettuare alcun versamento e la somma raccolta sarà accantonata ed andrà ad aggiungersi a quella che sarà assegnata in occasione del conferimento del Premio nel corso dell’anno sociale a seguire, e dunque in favore del beneficiario indicato dal vincitore nominato per tale anno.

 

Art. 4

Requisiti del candidato: il candidato dovrà avere un’età compresa tra i 18 (diciotto) e i 45 (quarantacinque) anni e dovrà essere un cittadino italiano che a livello nazionale ovvero internazionale si sia distinto nella propria vita dando prova di ingegno, equilibrio, memoria, cultura, giudizio e determinazione.

Le candidature dovranno essere accompagnate da una breve presentazione del candidato tesa a spiegarne i motivi ed i meriti in relazione ai requisiti come indicati nel presente articolo e dovranno essere inviate entro e non oltre il giorno 25 novembre a mezzo e.mail all’indirizzo mail dedicato: premio.rcromagiuliocesare@gmail.com.

 

Art. 5

La Commissione voterà le candidature, purché pervenute nei tempi e con le modalità di cui all’art. 4 che precede. Ciascun membro della Commissione esprimerà per iscritto un voto da 1 a 10 per ciascun candidato. Detti voti verranno sommati. In caso di parità tra candidati che impedisca di rimanere con solo due candidati si dovrà procedere ad una ulteriore votazione con gli stessi criteri. In caso di stallo la decisone verrà presa dal Presidente di Club in carica. I due candidati che avranno ricevuto le preferenze della Commissione saranno votati nel corso dell’Assemblea di Club del Rotary Club Roma Giulio Cesare che si terrà entro il mese di dicembre dell’anno sociale di riferimento. I due candidati saranno sottoposti al voto dell’Assemblea di Club previa lettura della rispettiva missiva di presentazione; quindi le candidature saranno sottoposte al voto dell’Assemblea di Club, regolarmente costituita, e si aggiudicherà la vittoria colui il quale avrà ricevuto la maggioranza dei voti. In caso di parità il voto potrà essere ripetuto solo una seconda volta ed in caso di stallo la decisione sarà rimessa all’insindacabile giudizio del Presidente di Club dell’anno sociale di riferimento.  

 

Art. 6

Il presente Regolamento, fatto salvo per quanto previsto al periodo a seguire, potrà essere modificato esclusivamente dal Consiglio Direttivo del Rotary Club Roma Giulio Cesare che, regolarmente costituito, sottoporrà a voto le proposte di modifica, purché all’ordine del giorno della riunione; per l’approvazione delle modifiche sarà sufficiente la maggioranza dei voti dei presenti.

È fatto assoluto divieto di modificare il “Premio simbolico” che pertanto dovrà rimanere immutato e dovrà essere conforme a quello ideato e creato come da art. 3 che precede.

 

Il presente Regolamento si compone di numero 3 (tre) pagine, inclusa la presente ed è stato redatto ed approvato in Roma, il giorno 17 ottobre 2018 dalla Commissione Premio Rotary Club Roma Giulio Cesare, all’uopo creata e composta dai soci del Rotary Club Roma Giulio Cesare Giovanna Spadaro (Presidente in carica nell’anno sociale di creazione del Premio), Alessio Marino (Past President), Lorenzo Mounayergi, Francesca Buzzi, Francesco Attianese.

Roma, 25 ottobre 2018

                                                                                                                  Il Presidente  

                                                                                                             Giovanna Spadaro

 

 

Stato Progetto: Completato
Inizio Progetto: 17-09-2018 Fine Progetto: 05-02-2019
Numero volontari stimati: 5 Numero volontari conseguiti: 8
Numero ore volontarie stimate: 56 h Numero ore volontarie conseguite: 120 h
Contributi in contanti stimati: 5600 € Contributi in contanti conseguiti: 12000 €
Sovvenzioni Distrettuali: N.D. Sovvenzioni Globali: N.D.
Area di Intervento: Proteggere madri e bambini
Azione del Progetto: Azione Professionale

Gallery


“Il Rotary è uno stile di vita. Uno stile di vita buono, naturale, completo e pieno di amicizia. Il mondo è pieno di potenziali rotariani, ce ne sono molti che mi stanno ascoltando. Amico mio, se tu hai nel cuore amore per il prossimo, tu sei un potenziale rotariano”

Paul Harris — Convention di Boston 1933