CORONAVIRUS: LA SOLIDARIETA' DEL DISTRETTO ROTARY 2080 NON SI FERMA
Leggi come il Distretto 2080 sta rispondendo all'impatto della crisi globale dell’epidemia COVID-19.

Il Rotary e i suoi partner GPEI celebrano una conquista monumentale e dichiarano che l'eradicazione globale del poliovirus selvaggio è possibile con la continua dedizione e perseveranza dei Rotariani

 

Il 25 agosto l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che la trasmissione del poliovirus selvaggio è stata ufficialmente bloccata in tutti i 47 Paesi della sua regione africana. Si tratta di un passo storico e vitale verso l'eradicazione globale della polio, che è la massima priorità del Rotary.

Dopo decenni di dure conquiste nella regione, il Rotary e i suoi partner della Global Polio Eradication Initiative (GPEI) — OMS, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, UNICEF, la Bill & Melinda Gates Foundation, e Gavi, l'alleanza per il vaccino - stanno proclamando questa pietra miliare un successo nella salute pubblica. Lo offrono come prova che un forte impegno, coordinamento e perseveranza possono liberare il mondo dalla polio.

La certificazione che la regione africana è libera dal poliovirus selvaggio arriva dopo che la Commissione di Certificazione Regionale Africana indipendente (ARCC) ha condotto verifiche sul campo che hanno confermato l'assenza di nuovi casi e analizzato la documentazione della sorveglianza della polio, l'immunizzazione e la capacità di laboratorio del Camerun, della Repubblica Centrafricana, della Nigeria e del Sud Sudan. La commissione aveva già accettato la documentazione degli altri 43 Paesi della regione.

Gli ultimi casi di poliomielite causata dal poliovirus selvaggio nella regione africana sono stati registrati nello Stato settentrionale della Nigeria, a Borno, nell'agosto 2016, dopo due anni di assenza di casi. Il conflitto, insieme alle difficoltà nel raggiungere le popolazioni mobili, aveva ostacolato gli sforzi per immunizzare i bambini di quella regione.

Ora che la regione africana è libera dal poliovirus selvaggio, cinque delle sei regioni dell'OMS, che rappresentano oltre il 90% della popolazione mondiale, sono libere dalla malattia. La polio causata dal virus selvaggio è ancora endemica in Afghanistan e Pakistan, nella regione del Mediterraneo orientale dell'OMS.

La certificazione dell'assenza di poliovirus selvaggio nella regione africana è stata celebrata durante un evento livestream. Tra i relatori c'erano il Presidente nigeriano Muhammadu Buhari, Bill Gates, il Presidente del Rotary International Holger Knaack, il Presidente della Nigeria PolioPlus dott. Tunji Funsho, e i rappresentanti di altri partner GPEI. La celebrazione è stata seguita da una conferenza stampa.

Nel programma, Knaack ha parlato delle persone che hanno bisogno di buone notizie durante la pandemia COVID-19 in corso. "Le sfide che ci attendono sono formidabili", ha detto Knaack. Ecco perché dobbiamo riconoscere questo grande risultato e lodare tutte le persone che hanno avuto un ruolo importante nel raggiungimento di questa pietra miliare". Ci sono voluti sforzi enormi per molti anni".


Un successo in via di sviluppo da decenni
La mancata rilevazione di casi di poliovirus selvaggio in Africa è in netto contrasto con la situazione del 1996, quando 75.000 bambini venivano paralizzati dalla malattia. Quell'anno, in occasione di una riunione dell'Organizzazione dell'Unità africana in Camerun, i capi di Stato africani si sono impegnati a sradicare la malattia dal continente.

Per sostenere lo sforzo, sempre nel 1996, il Rotary, i suoi partner GPEI e il Presidente sudafricano Nelson Mandela avevano lanciato la campagna Kick Polio Out of Africa. Utilizzando le partite di calcio e le sponsorizzazioni delle celebrità, la campagna aveva aumentato la consapevolezza della polio aiutando più di 30 Paesi africani a tenere le prime Giornate d'Immunizzazione Nazionale. L'appello di Mandela all'azione ha aiutato a mobilitare i leader di tutto il continente ad aumentare gli sforzi per raggiungere ogni bambino con il vaccino antipolio.

 

 

Dal 1996, innumerevoli soci del Rotary provenienti da tutta l'Africa e da tutto il mondo hanno raccolto fondi, immunizzato i bambini e promosso le vaccinazioni, consentendo alla GPEI di rispondere e fermare le epidemie di polio. Più di 9 miliardi di dosi di vaccino antipolio per via orale sono state fornite in tutta la regione, evitando circa 1,8 milioni di casi di paralisi. Ogni anno, circa 2 milioni di volontari aiutano a vaccinare più volte 220 milioni di bambini contro la polio nella regione africana.

I soci del Rotary hanno contribuito circa 890 milioni di dollari agli sforzi per l'eradicazione della polio nella regione africana. I fondi hanno permesso al Rotary di elargire sovvenzioni PolioPlus per finanziare la sorveglianza della polio, il trasporto, le campagne di sensibilizzazione e le Giornate d'Immunizzazione Nazionale.

Il dott. Tunji Funsho, presidente della commissione PolioPlus del Rotary per la Nigeria, ha lodato gli enormi contributi dei Rotariani agli sforzi per l'eradicazione della polio in Africa: "Dalla raccolta fondi e l'immunizzazione dei bambini, all'approntamento di "plus per la polio", come sapone e kit per la salute, i soci del Rotary hanno dimostrato resistenza e costante dedizione alla nostra massima priorità per l'eradicazione della polio".

I soci del Rotary hanno contribuito a costruire un'ampia infrastruttura antipolio che è stata utilizzata per rispondere al COVID-19 e, nel 2014, alla crisi dell'Ebola, oltre che per proteggere le comunità dalla febbre gialla e dall'influenza aviaria.


Le sfide che ci attendono
La sfida del GPEI è ora di eradicare il poliovirus selvaggio nei due Paesi in cui la malattia non è mai stata fermata: Afghanistan e Pakistan. Inoltre, l'immunizzazione di routine in Africa deve essere rafforzata per impedire il ritorno del poliovirus selvaggio e per proteggere i bambini dalla diffusione del poliovirus derivato dal vaccino, che è raro ma continua a infettare le persone in alcune parti della regione africana.

Per eradicare la polio, devono continuare ad essere prioritarie molteplici campagne di vaccinazione di alta qualità. Anche durante la pandemia COVID-19, è necessario mantenere i bambini vaccinati contro la polio, proteggendo nel contempo gli operatori sanitari dal COVID-19 e facendo in modo che non contribuiscano alla sua trasmissione.

I funzionari e gli esperti della sanità mondiale affermano che la raccolta fondi e l'advocacy sostenuta sono ancora cruciali, non solo per proteggere i guadagni in Africa, ma per raggiungere l'obiettivo finale di un mondo senza polio. I soci del Rotary hanno ancora un ruolo cruciale da svolgere per mantenere la regione africana libera dal poliovirus selvaggio ed eliminare il virus nei due Paesi in cui la polio rimane endemica.

Come ha detto Knaack: "Questo è un grande passo nel nostro percorso verso un mondo libero dalla polio, ma la lotta non è ancora finita. Abbiamo ancora bisogno del sostegno dei nostri soci del Rotary, dei donatori e dell'eroico sforzo degli operatori sanitari per finire l'opera".

Visita endpolio.org per approfondire e fare una donazione.


“Il Rotary è uno stile di vita. Uno stile di vita buono, naturale, completo e pieno di amicizia. Il mondo è pieno di potenziali rotariani, ce ne sono molti che mi stanno ascoltando. Amico mio, se tu hai nel cuore amore per il prossimo, tu sei un potenziale rotariano”

Paul Harris — Convention di Boston 1933