CORONAVIRUS: LA SOLIDARIETA' DEL DISTRETTO ROTARY 2080 NON SI FERMA
Leggi come il Distretto 2080 sta rispondendo all'impatto della crisi globale dell’epidemia COVID-19.

Cari Amici,
sono già passati tre mesi dal 1° luglio, giorno di inizio del nuovo anno Rotariano, e molte attività e iniziative sono state portate avanti in questi primi novanta giorni.

Ho avuto il piacere di svolgere le mie visite ufficiali in 30 Club, la maggior parte dei quali in Sardegna, e ovunque ho trovato accoglienza affettuosa, partecipazione, coinvolgimento nei progetti, volontà di connessione.

L’innovazione della visita in Interclub è stata accolta favorevolmente, ed ha consentito conoscenza tra i Soci, scambio di idee, sviluppo di iniziative comuni, sinergie tra i Club.

A settembre due importanti iniziative a favore della campagna End Polio Now hanno visto una grande partecipazione: la corsa solidale della Half Marathon via Pacis ha salutato alla partenza oltre 300 Rotariani, e un numero quasi uguale di Soci ha potuto godere delle bellezze della città eterna nel corso dell’evento Roma Sotterranea e Barocca a Piazza Navona. Grazie a tutti coloro che hanno partecipato e grazie soprattutto a chi ha coordinato in modo magistrale le due attività.

Il seme che abbiamo gettato nel corso degli incontri di formazione dei SIPE e dell’Assemblea ha trovato terreno fertile e sta dando i suoi frutti!

Il Seminario Effettivo e Nuove Generazioni di Arborea in Sardegna ha visto la presenza di oltre 170 partecipanti, e la connessione con oltre 40 Interactiani e molti Rotaractiani, tra cui i 18 giovani Soci del neonato Rotaract Club del Terralbese, di cui ho avuto l’onore di annunciare la fondazione e a cui ho consegnato la carta costitutiva, e appuntato la spilletta a tutti i Soci.

All’analogo Seminario di Tivoli del 5 ottobre, che si svolgerà in concomitanza con il Meeting di Orientamento del programma Scambio Giovani, è attesa una grande affluenza.

Continuiamo così, c’è motivazione, c’è voglia di fare, c’è connessione tra noi!

Ottobre è il mese dedicato ad una delle sei aree di intervento della Rotary Foundation, lo Sviluppo Economico e Comunitario.

Il Rotary sostiene gli investimenti nelle persone e nelle comunità per alleviare la povertà, creando miglioramenti economici misurabili e duraturi nelle aree povere e poco servite.

Il sostegno della Rotary Foundation facilita la capacità dei leader, delle organizzazioni e delle reti locali nel sostegno e nello sviluppo economico delle comunità povere, anche attraverso l’accesso al microcredito, e sviluppa le opportunità di lavoro produttivo migliorando l'accesso a mezzi di sussistenza sostenibili.

È importante affrontare le disparità di genere o di classe, largamente diffuse nei Paesi in via di sviluppo, che impediscono alle popolazioni di ottenere lavoro e di accedere ai mercati e ai servizi, diffondere la cultura dello sviluppo sostenibile nel rispetto dell’ambiente e nella conservazione delle risorse naturali, migliorando l'accesso alle energie rinnovabili e alle misure di efficienza energetica. Infine, la Rotary Foundation finanzia borse di studio per giovani e professionisti orientati alla carriera relativa allo sviluppo economico della comunità. La valutazione dei borsisti con sovvenzione globale tiene conto della precedente esperienza professionale del candidato nel campo dello sviluppo economico e comunitario.

I candidati sono tenuti a dimostrare in che modo il loro lavoro ha contribuito al benessere economico delle comunità povere e a basso reddito, e la correlazione del programma accademico di studi con la tematica dell’Area di intervento.

I Club possono cosi sviluppare progetti in ambito territoriale ed internazionale, entrando in connessione con Club locali, attingendo alle risorse della Rotary Foundation attraverso le Sovvenzioni Globali.

È parimenti possibile, come associazione di servizio, la cooperazione con enti e istituzioni che mettono a disposizione fondi e iniziative per interventi di promozione dello sviluppo e progetti di sostegno economico delle comunità: le risorse sono a nostra disposizione, impariamo ad utilizzarle meglio e con più efficacia.

Vi aspetto tutti al grande evento per celebrare il World Polio Day il 23 ottobre all’Auditorium della Conciliazione di Roma con il Maestro premio Oscar Nicola Piovani, tengo molto alla vostra grandissima partecipazione per dare insieme un contributo all’ultimo chilometro nella corsa verso il traguardo dell’eradicazione della Polio e per dimostrare la connessione di tutti i Rotariani del Distretto!

Buon vento!

 

Messaggi del Presidente

Mark Daniel Maloney

Presidente 2019/2020

Ottobre 2019

 

La battaglia a lungo termine e sostenibile del Rotary contro la polio ha caratterizzato la nostra organizzazione per decenni. Abbiamo il diritto di essere orgogliosi di tutto ciò che siamo riusciti a ottenere negli anni.

I nostri progressi sono reali e notevoli. Nel 1988, la polio era endemica in 125 Paesi, con oltre 350.000 nuovi casi all'anno in tutto il mondo. Da allora il Rotary e i partner della Global Polio Eradication Initiative hanno ridotto i casi di polio di oltre il 99,9 percento, vaccinando oltre 2,5 miliardi di bambini contro il virus, prevenendo ben 18 milioni di casi di paralisi. Negli anni, il Rotary ha aiutato un Paese dopo l'altro a passare nella colonna delle nazioni polio-free. Nell'elenco c'è l'India, un'impresa ritenuta impossibile da molti fino a poco tempo fa. Fra i tre tipi di poliovirus, il tipo 2 è stato eradicato e il tipo 3 riceverà a breve la certificazione di virus eradicato. La Nigeria non ha riportato nuovi casi di poliovirus selvaggio in tre anni. Se continua questo trend, arriveremo a solo un tipo di poliovirus selvaggio in una sola parte del mondo, in Afghanistan e Pakistan.

In quella parte del mondo, continuano ad esserci importanti sfide. Dobbiamo comunque rimanere ottimisti, riflettendo su quanto siamo riusciti ad ottenere finora. Questo non è il momento per farsi scoraggiare o per pensare che l'impresa è impossibile. Eradicheremo per sempre la polio, ma solo se resteremo impegnati e vigili. La Giornata Mondiale della Polio è l'occasione per tutti i Rotariani del mondo per ritrovarsi, riconoscere i progressi fatti nella nostra lotta alla polio, e per pianificare le azioni da intraprendere per porre fine a questa malattia per sempre. La parola chiave è Azione, perché abbiamo ancora tanto lavoro da fare.

Quest'anno, desideriamo vedere il numero più elevato possibile di Rotary club che organizzano eventi per la Giornata Mondiale della Polio in tutto il mondo. Avete bisogno di idee? Potreste organizzare una festa per visionare, insieme ad amici e soci, l'Aggiornamento globale online del Rotary. Potreste anche dedicare una riunione di club a World Polio Day o creare un evento di raccolta fondi. E non dimenticate che ogni dollaro raccolto viene equiparato con un rapporto di 2 a 1 dalla Bill & Melinda Gates Foundation.

Una volta pianificato un evento, registratelo sul sito endpolio.org/it/register-your-event e promuovetelo usando il Toolkit della Giornata Mondiale della Polio, disponibile al sito endpolio.org/it/world-polio-day.

Segnatevi la data per seguire l'Aggiornamento globale online della Giornata Mondiale della polio del Rotary, il 24 ottobre. Quest'anno lo streaming del programma sarà sulla pagina Facebook di @RotaryItalia. Inoltre, non dimenticate di seguire l'evento sui social media e condividerlo con tutto il vostro network.

Una volta raggiunto il nostro obiettivo, la polio sarà solo la seconda malattia umana ad essere eradicata dal pianeta, e il Rotary sarà riconosciuto a livello internazionale. Ma ciò quello che più conta è che i bambini non dovranno più affrontare questo terribile, paralizzante virus. Il Rotary deve continuare a connettere il mondo nello sforzo per l'eradicazione della polio. Sta a noi completare l'opera.

Torna Indietro

“Il Rotary è uno stile di vita. Uno stile di vita buono, naturale, completo e pieno di amicizia. Il mondo è pieno di potenziali rotariani, ce ne sono molti che mi stanno ascoltando. Amico mio, se tu hai nel cuore amore per il prossimo, tu sei un potenziale rotariano”

Paul Harris — Convention di Boston 1933