CORONAVIRUS: LA SOLIDARIETA' DEL DISTRETTO ROTARY 2080 NON SI FERMA
Leggi come il Distretto 2080 sta rispondendo all'impatto della crisi globale dell’epidemia COVID-19.

Cari Amici,

siamo  vicini  al  giro  di  boa  di  questa  bellissima  avventura  insieme,  molte  iniziative sono state già portate a termine ma molto c’è ancora da fare per proseguire il nostro percorso  che  ci vede connessi e  motivati  nell’azione  e  nel  servizio  attivo  nei confronti delle comunità che necessitano del nostro intervento.

Ho già svolto la mia visita ufficiale in 55 Club, ho potuto riscontrare entusiasmo e motivazione. In alcuni casi ho verificato difficoltà per quanto concerne l’effettivo, ma sto  valutando  e  mettendo  in  atto  insieme  ai  Segretari  e  agli  Assistenti,  in condivisione  con  i Club, azioni di  supporto  e  di  rafforzamento  che  sono  certo porteranno  ad  una  inversione  di  tendenza. 

L’innovazione  della  visita  in  Interclub continua  a  riscuotere  accoglienza  ed  apprezzamento,  stimolando  la  condivisione, la connessione, lo scambio di idee e il fiorire di incontri e iniziative comuni.

Molti  progetti  sul  territorio  sono  stati  già  realizzati,  grazie  anche  alla  rapida procedura  di  erogazione  delle  Sovvenzioni  Distrettuali,  molti  altri  sono  in  via  di completamento. 

In  campo  ci  sono inoltre  molti  progetti  di  grande  interesse  ed impatto  sostenuti da  Sovvenzioni  Globali,  auspico  che  nel  corso  dell’anno  altri possano essere proposti dai Club. Di  questo  e  di  molto  altro  si  è  parlato  ai  Seminari  della  Rotary  Foundation  e  dei Progetti,  svoltisi  come  di  consueto  nel  mese  di  novembre  a  Montecassino  e  a Sassari, dove i Club sono stati protagonisti e hanno portato la testimonianza diretta di  progetti  di  notevole  efficacia  a  favore  delle  comunità  locali  ed  internazionali, suscitando nei presenti grande coinvolgimento ed emozione e dimostrando come l’azione Rotariana sia realmente capace di fare del bene nel mondo con l’iniziativa, la motivazione e l’impegno di ogni singolo Socio.

Dicembre è il mese dedicato alla prevenzione e alla cura delle malattie, nel mondo 400  milioni  di  persone  non  possono  permettersi  e  non  hanno  accesso  alle  cure mediche di base; il Rotary si impegna affinché anche queste popolazioni possano avere la possibilità e il diritto di avere una adeguata assistenza sanitaria.

Le malattie sono causa di dolore, emarginazione e povertà per milioni di persone in tutto  il  mondo.  Ecco  perché  è  fondamentale  che  l’azione  del  Rotary  sia  rivolta  a curare  e  prevenire  le  malattie,  al  fine  di  contribuire  allo  sviluppo  della  coscienza sanitaria  e al  miglioramento  delle  condizioni  di  vita. 

Il  Rotary  nel  mondo  realizza molteplici iniziative nel campo dell’assistenza sanitaria, allestendo unità mediche nei territori,  postazioni  per  la  donazione  di  sangue  e  centri  per  la  formazione  nelle comunità colpite dalle epidemie e bisognose di presidi medici.  

Attraverso   la   rete   internazionale,   provvede   anche   a   creare   le   infrastrutture necessarie  che  permettono  a  medici,  personale  sanitario  e  autorità  governative  a lavorare in connessione.

L’attività  dei  Soci  Rotariani  si  rivolge  a  fronteggiare  molteplici  malattie,  tra  cui malaria,  HIV/AIDS,HPV,  Alzheimer,  sclerosi  multipla,  diabete  e,  in  particolare,  la polio.

La prevenzione è altrettanto importante, e per questo tutti sono impegnati in campagne di educazione sanitaria e nel fornire test per gli screening delle patologie più diffuse.

La  Rotary  Foundation  ha  elargito  oltre  65  milioni  di  dollari  per  combattere  le malattie nel mondo, e dall’avvio del nostro programma Polio Plus nel 1985, i casi di poliomielite si sono ridotti del 99% estirpando la malattia in 122 paesi e portando, insieme ai nostri partner, il mondo sulla soglia dell’eradicazione totale, con allo stato attuale solo due paesi rimasti endemici, Afghanistan e Pakistan.

Il   Distretto   2080   ha   messo   in campo   numerose   iniziative   nell’ambito   della Prevenzione  e  Cura  delle  malattie,  vi  ricordo  il  bando  per  le  Borse  di  Studio “Prevenire è meglio che curare”, rivolte agli studenti delle scuole medie e superiori, che  coinvolge  l’Interact  e  le  nuove  generazioni,  un’opportunità  per  il  Rotary  e  la scuola  di connettersi ancora  una  volta  per  far  riflettere  e  diffondere  nei  ragazzi  la cultura  della  prevenzione  e  della  difesa  nei  confronti  delle  malattie  infettive  e sessualmente trasmesse, promuovendo formazione, conoscenze e fiducia al fine di combattere  pregiudizi,  cattiva  informazione e  pratiche  scorrette. 

Invito ancora i Club,  come  ho  già  fatto  nel  corso  delle  mie  visite  ufficiali,  a  proporre  le  borse  di studio nelle scuole del proprio territorio. A gennaio una squadra del Distretto 2080, con il Governatore e Soci di Roma, Lazio e   Sardegna   si   recherà   nel   nord dell’India per   partecipare   alle   giornate   di immunizzazione contro la Polio, per testimoniare l’impegno concreto e “sul campo” dei Rotariani dei nostri Club in favore della campagna “End Polio Now”, alla quale come sapete ho dato un grande risalto ed impulso in questi mesi.

Il  29  marzo  2020  parteciperemo  come  di  consueto  alla  Maratona  di  Roma  e  alla Roma  Fun  con  l’obiettivo  di  una  importante  raccolta fondi,  sarà  previsto  un traguardo  per  i  Rotariani  e,  importante  novità  di  quest’anno,  la  possibilità  di  una staffetta 4x 10 km, con Soci dello stesso Club o di più Club che si daranno il cambio e si passeranno il testimone lungo il percorso.

Le iniziative culmineranno con l’HappyCamp Distrettuale dal 7 al 10 maggio 2020, che accoglierà ragazzi disabili provenienti dal territorio del nostro Distretto, Roma, Lazio e Sardegna, affiancati da Soci Rotariani, Rotaractiani e Interactiani provenienti da tutti i Club che vorranno partecipare e vivere in prima persona questa esperienza di  straordinario  impatto  emotivo,  sociale  e  culturale. 

L’obiettivo  è  di  portare  una testimonianza ed un esempio concreto di integrazione sociale e di connessione di tutta  la  famiglia  Rotariana,  trascorrendo  un  soggiorno  insieme  all’insegna  del divertimento e della condivisione.

Una  condivisione  che  si  è  realizzata  pienamente  nei  giorni  scorsi  con  la  bella iniziativa del WIR, che ha visto la partecipazione di tanti Soci Interactiani che hanno scambiato  idee,  lavorato  insieme  ai  Rotariani  e  proposto  iniziative  e  progetti  sul tema dell’Eco sostenibilità.

Non  mi  resta  che  salutarvi  affettuosamente  ed  augurare  a  tutti  voi  e  alle  vostre famiglie di trascorrere in serenità e in armonia le prossime festività Natalizie.

 

Buon Natale e felice anno 2020 e......

Buon vento!

 

 

 

 

Torna Indietro

“Il Rotary è uno stile di vita. Uno stile di vita buono, naturale, completo e pieno di amicizia. Il mondo è pieno di potenziali rotariani, ce ne sono molti che mi stanno ascoltando. Amico mio, se tu hai nel cuore amore per il prossimo, tu sei un potenziale rotariano”

Paul Harris — Convention di Boston 1933