CORONAVIRUS: LA SOLIDARIETA' DEL DISTRETTO ROTARY 2080 NON SI FERMA
Leggi come il Distretto 2080 sta rispondendo all'impatto della crisi globale dell’epidemia COVID-19.

Il Rotary cambia il focus per aiutare le persone ad avere accesso all'acqua pulita a lungo termine

 

La mancanza di accesso all'acqua pulita, alle strutture igienico-sanitarie e alle risorse igieniche è uno dei maggiori problemi sanitari del mondo e uno dei più difficili da risolvere.

Il Rotary ha lavorato per decenni per fornire alla gente acqua pulita scavando pozzi, collocando fognature, fornendo filtri e installando lavandini e servizi igienici. Ma la sfida più grande è arrivata dopo che l'installazione delle strutture. Troppo spesso, i progetti hanno avuto successo all'inizio, ma alla fine hanno fallito.

Secondo i dati raccolti dalla società di consulenza Improve International, il costo cumulativo dei sistemi idrici difettosi nella sola Africa sub-sahariana è stimato tra 1,2 miliardi a 1,5 miliardi di dollari.

Pompe per l'acqua arrugginite e impianti igienico-sanitari fatiscenti sono luoghi familiari in alcune parti dell'Africa, del Sud America e dell'Asia meridionale - monumenti a progetti di servizio che si sono rivelati insostenibili. La revisione del 2013r dell'agenzia indipendente Aguaconsult ha citato questo tipo di problemi nei progetti realizzati dal Rotary, e la revisione ha incluso un focus sulla sostenibilità per aiutare a pianificare progetti più efficaci.

Questo è uno dei motivi per cui il Rotary ha spostato la sua attenzione negli ultimi anni per enfatizzare l'educazione, la collaborazione e la sostenibilità.

Con le sovvenzioni globali della Fondazione Rotary, un Gruppo d'azione rotariana dedicato in partnership con l'Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID), i programmi del Rotary per l'acqua, i servizi igienico-sanitari e l'igiene, o WASH, stanno ottenendo un cambiamento maggiore e più duraturo.

"Tutti i progetti idrici e sanitari del Rotary vengono dal cuore e sono ben intenzionati, ma molti di essi non sempre hanno soddisfatto le reali esigenze della comunità", ha dichiarato F. Ronald Denham, socio fondatore ed ex presidente di Water and Sanitation Rotarian Action Group. Il gruppo, costituito nel 2007, sottolinea l'importanza di un approccio basato sui bisogni e la sostenibilità nei progetti.

In passato, le attrezzature e le strutture erano di solito installate correttamente e ben accolte, ma la proprietà dei residenti del posto, l'educazione e la sostenibilità a volte mancavano. Le comunità spesso non hanno ricevuto abbastanza supporto per gestire i progetti in modo indipendente nel lungo termine.

Un ostacolo alla sostenibilità: la necessità di un costante coinvolgimento umano. 

I soci del Rotary, per loro natura, sono volontari. "Come tutti gli altri, i Rotariani hanno altre priorità come il lavoro e la famiglia", secondo Denham, che ha lavorato con i club a progetti su acqua, servizi igienico-sanitari e igiene per oltre 30 anni e ha svolto progetti in Etiopia, Ghana, India, Kenya e Uganda.

Parlando dei soci del Rotary che lavorano per migliorare le proprie comunità, ha dichiarato: "È difficile per i club ospitanti, per esempio, gestire progetti WASH a lungo termine", specialmente se i progetti hanno componenti tecniche complesse. Siamo estremamente impegnati, ma abbiamo bisogno di aiuto". Chiedere aiuto agli altri è essenziale per il nostro successo".

Impegno e proprietà della comunità

Quel successo dipende sempre più spesso da collaborazioni con organizzazioni che forniscono risorse complementari, finanziamenti, tecnologia, contatti, conoscenza di una cultura e altre competenze.

"I club devono impegnarsi meglio con la comunità, i suoi leader e le organizzazioni professionali", afferma Denham. Più importante, dobbiamo capire i bisogni della comunità". Non possiamo supporre o indovinare ciò che è nel loro interesse".

La Fondazione Rotary Foundation ha imparato nel tempo che l'impegno della comunità è cruciale per realizzare cambiamenti a lungo termine. Ora è necessario che i club che richiedono sovvenzioni per alcuni progetti in altri Paesi, per dimostrare che i residenti del posto hanno aiutato a sviluppare il piano progettuale.

La comunità dovrebbe svolgere un ruolo nella scelta dei problemi da affrontare, pensando alle risorse disponibili, trovando soluzioni e realizzando un piano di manutenzione a lungo termine.

Nessun progetto ha successo, secondo Denham, a meno che la comunità locale non sia in grado di gestirlo.

Nel 2010, il suo club, il Rotary Club di Toronto Eglinton, Ontario, Canada, è diventato il partner internazionale principale di un programma per l'acqua e i servizi igienico-sanitari nella Great Rift Valley del Kenya, dove l'acqua pulita è scarsa. 

Quando i test iniziali delle acque sotterranee hanno rivelato alti livelli di fluoro, i club sponsor hanno cambiato il loro piano per scavare pozzi poco profondi. Da quello che hanno imparato, la raccolta dell'acqua piovana era un approccio più sicuro.

Il Rotary Club di Nakuru, Kenya, il club locale ospitante, ora fornisce materiali e insegna alle famiglie come costruire le proprie cisterne da 10.000 litri. Ogni famiglia è responsabile del lavoro e della manutenzione. Con un investimento di 50 USD, una famiglia può raccogliere abbastanza acqua per superare la stagione secca.

Ad oggi, il progetto ha finanziato la costruzione di oltre 3.000 serbatoi, portando l'acqua pulita a circa 28.000 persone. I membri della famiglia non devono più percorrere diverse miglia al giorno per raccogliere l'acqua, un compito che spesso è stato affidato a donne e bambini.

Essendo proprietarie dei serbatoi. le donne hanno la facoltà di rivedere come far funzionare le cose nella loro famiglia. E con l'aiuto dei microprestiti che ricevono attraverso i Rotary club, le madri gestiscono piccole imprese e generano reddito invece di andare a procurarsi l'acqua.

"Con la proprietà si ottiene l'emancipazione, non solo per le madri, ma anche per i loro figli, che ora hanno il tempo di frequentare la scuola", spiega Denham.

Educazione WASH

Per il successo a lungo termine di un progetto WASH non basta installare impianti igienico-sanitari. È importante anche coltivare abitudini sane. Le buone pratiche igieniche possono ridurre malattie come il colera, la dissenteria e la polmonite di quasi il 50%. Lavarsi le mani con il sapone può salvare vite umane.

Il Rotary Club di Box Hill Central, Victoria, Australia, si occupa di Operation Toilets, un programma che costruisce servizi igienici e fornisce istruzione WASH alle scuole dei Paesi in via di sviluppo, tra cui India ed Etiopia. Il gruppo costruisce strutture separate per ragazzi e ragazze per garantire la privacy, e i soci del Rotary insegnano agli studenti come lavarsi le mani con il sapone. I lavoratori di ogni scuola vengono istruiti su come mantenere le strutture.

Il programma lavora con il gruppo di sostegno We Can't Wait, che aumenta la consapevolezza dei bisogni di WASH e promuove l'educazione alla comunità. Dal lancio del progetto nel 2015, quasi 90 scuole e più di 96.000 studenti hanno beneficiato direttamente dal programma.

In un altro esempio di educazione WASH di successo, il Rotary Club di Puchong Centennial, Malesia, collabora con i club Interact e Rotaract nelle Filippine per insegnare in diverse scuole di Lampara, Filippine. I gruppi hanno invitato diversi relatori ad istruire gli studenti sull'igiene orale, sul lavaggio delle mani e sull'importanza di un bagno frequente. Dopo ogni presentazione, gli studenti hanno ricevuto kit che includevano spazzolini da denti, shampoo, sapone, pettini e altri articoli da bagno.

10 anni di WASH sostenibile

Quest'anno ricorre il decimo anniversario della Partnership Rotary-USAID che ha riunito comunità e risorse per fornire acqua potabile, strutture igienico-sanitarie ed educazione all'igiene nei Paesi in via di sviluppo. Il Rotary e l'USAID, la più grande agenzia di aiuti governativi del mondo, portano punti di forza distinti a questo sforzo. Il Rotary attiva una rete globale per raccogliere fondi, radunare volontari e supervisionare la costruzione, mentre USAID fornisce supporto tecnico per progettare e realizzare le iniziative e costruire la capacità delle agenzie locali di gestire e mantenere i sistemi.

"Il Rotary porta tanta energia al programma e ha la capacità di creare molto entusiasmo", ha dichiarato Ryan Mahoney, consigliere per la salute ambientale e WASH per USAID e membro del comitato direttivo Rotary-USAID. "Sono stati bravissimi a sfruttare le loro relazioni con i leader della comunità per far decollare i progetti".

In Ghana, che era un punto focale quando l'alleanza è stata lanciata, 35 Rotary club in sei regioni avranno implementato più di 200 programmi WASH sostenibili entro il 2020.

Fredrick Muyodi e Alasdair Macleod, membri del Cadre of Technical Advisers della Fondazione Rotary, ne hanno visitato 30 lo scorso settembre per valutare i loro successi e le sfide in corso.

Macleod, socio del Rotary Club Monifieth & District, Tayside, Scozia, è rimasto colpito dagli sforzi educativi che ha osservato. La maggior parte delle scuole che ha visitato aveva componenti educativi integrati, incluso un educatore WASH dedicato al personale. In un caso, l'insegnante WASH e gli studenti hanno realizzato e distribuito poster sull'importanza del lavaggio delle mani.

"I progetti a lungo termine devono iniziare con le giovani generazioni", secondo Macleod, e che gli studenti possono essere agenti del cambiamento nelle loro case e nelle loro comunità insegnando la tecnica corretta.

Altre visite in loco hanno rivelato sfide inaspettate, come la sicurezza. Quando una scuola dispone di risorse igienico-sanitarie altrimenti non disponibili in una comunità, ad esempio, aumenta il rischio di effrazione e vandalismo. Muyodi, socio del Rotary Club di Kampala City-Makerere, Uganda, afferma che i progetti possono ridurre il rischio espandendosi alla comunità circostante.

La distanza è a volte anche una sfida, se i siti del progetto sono troppo lontani per i club coinvolti per potersi impegnare in visite regolari. Per porre rimedio a questa situazione, dice Muyodi, i club dovrebbero impegnarsi con più residenti locali e creare migliori legami con i leader a livello comunitario e distrettuale.

Denham, membro del comitato direttivo del Rotary-USAID, attribuisce il successo dell'alleanza in Ghana a un migliore coordinamento e comunicazione, dall'uso di WhatsApp per entrare in contatto con i partner all'assunzione di personale a tempo pieno. Entrando nella sua seconda fase, la partnership - un punto di riferimento per la collaborazione pubblico/privato nel campo WASH - ha assicurato 4 milioni di dollari in impegni per progetti in Ghana, Madagascar e Uganda. I Rotary club di ogni Paese sono responsabili della raccolta di 200.000 USD.

"Il Rotary è nel campo dello sviluppo sociale ed economico", ha dichiarato Denham. "Il nostro lavoro in WASH può essere una testimonianza di questo".

 


“Il Rotary è uno stile di vita. Uno stile di vita buono, naturale, completo e pieno di amicizia. Il mondo è pieno di potenziali rotariani, ce ne sono molti che mi stanno ascoltando. Amico mio, se tu hai nel cuore amore per il prossimo, tu sei un potenziale rotariano”

Paul Harris — Convention di Boston 1933