CORONAVIRUS: LA SOLIDARIETA' DEL DISTRETTO ROTARY 2080 NON SI FERMA
Leggi come il Distretto 2080 sta rispondendo all'impatto della crisi globale dell’epidemia COVID-19.

Il Distretto Rotary 2080 con le Commissioni “Rotary Foundation” e “Nuove Generazioni” da il via al Bando “Prevenire è meglio che curare” per nove borse di studio, destinate agli studenti delle  scuole medie inferiori e delle prime, seconde e terze classi degli istituti superiori di Roma, Lazio e Sardegna. I candidati dovranno realizzare e produrre uno studio o una ricerca o un esperimento o un filmato o un'esperienza di alternanza scuola-lavoro sul tema: “Le malattie infettive possono essere eradicate. La storia della vaccinazione antivaiolosa insegna”.

L'obiettivo del concorso è diffondere la cultura della prevenzione delle malattie infettive tra le nuove generazioni. Il calo delle vaccinazioni in età infantile sta producendo il riacutizzarsi di tubercolosi, malaria, meningite, morbillo e altre infezioni, con picchi di contagio anche in Italia. Questa emergenza causata anche da una, ormai, scarsa informazione sui rischi derivati da un'assenza di profilassi, spinge ad azioni di sensibilizzazione, soprattutto tra le fasce giovani della popolazione, per la difesa e la tutela della salute.

Il bando si inserisce nelle attività principali del Rotary, che a livello globale si impegna in progetti sostenibili e capaci di cambiare in meglio la qualità della vita delle persone.

La scadenza per la partecipazione è fissata entro e non oltre il 31 marzo 2020. L’importo di ciascuna borsa di studio- tre per Roma, tre per il Lazio e tre per la Sardegna- è pari a 500 euro.

 

Per maggiori informazioni:

https://www.rotary2080.org/bando-borse-di-studio-2019-2020-prevenire-e-meglio-che-curare


Gallery


“Il Rotary è uno stile di vita. Uno stile di vita buono, naturale, completo e pieno di amicizia. Il mondo è pieno di potenziali rotariani, ce ne sono molti che mi stanno ascoltando. Amico mio, se tu hai nel cuore amore per il prossimo, tu sei un potenziale rotariano”

Paul Harris — Convention di Boston 1933